Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | “French Touch in Italia”
15955
post-template-default,single,single-post,postid-15955,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

10 Ott “French Touch in Italia”

Serata dedicata alla sensibilizzazione sull’osteoporosi“: lunedì 17 ottobre alle ore 21.00 all’Auditorium Vivaldi di piazza Carlo Alberto 5. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Concerto classico & jazz «French Touch in Italia» con Ellen Giacone & Diego Mingolla

Selezione di musica classica (arie italiane e francesi) e jazz (standard americani e bossa nova brasiliana). Nel programma, che ha come filo conduttore la amicizia culturale tra l’Italia e la Francia, verrà interpretata anche l’aria dell’Età dell’Oro “Se qui pace talor vo’ cercando” tratta dal manoscritto di Antonio Vivaldi, La Senna Festeggiante (1726) conservato nella collezione Mauro Foà della Bibliote-ca e scritta per celebrare l’ascesa al trono di Luigi XV e il ripristino delle relazioni tra Parigi e Venezia.

Gli interpreti

Lasoprano Ellen Giacone vive a Parigi dove ha segui-to impegnativi corsi formativi di musica e canto. Specializzata nel repertorio barocco, si è esibita sotto la direzione di Ton Koopman e John Eliot Gardiner, in concerti in tutta Europa e negli Stati Uniti. Il suo primo album, Vocalise Ave Maria, è uscito nel 2014. Più di recente, ha iniziato a cantare la musica jazz, dopo aver studiato il contrabbasso per diversi anni.

Il pianista Diego Mingolla, laureato a Torino, è concertista internazionale anche specializzato nella prassi esecutiva di musica vocale da camera. Ha collaborato con il Mozarteum di Salisburgo da più di venti anni. Apprezzato come pianista di scena ha preso parte a numerose produzioni teatrali in veste di interprete, compositore e arrangiatore musicale.

La Fondazione per l’Osteoporosi Piemonte O.N.L.U.S. Nata a Torino nel 1986, giusto 30 anni fa, promuove principalmente la ricerca scientifica e l’attività informativa sull’osteoporosi. Di rilievo il progetto di ricerca scientifica “Ammeb”, pubblicato e riconosciuto a livello internazionale, e il progetto “Geros Networking”, realizzato in collaborazione con la Clinica universitaria di Geriatria e Malattie Metaboliche dell’osso, grazie al quale il Piemonte è oggi l’unica regione in Italia dotata di una piattaforma informatica dedicata che consente a medici specialisti di poter essere guidati a distanza nella diagnosi e cura dei pazienti affetti da Osteoporosi severa. In corso la campagna di sensibilizzazione “Prevenzione con l’Informazione”, rivolta a popolazione, medici e autorità per far conoscere la gravità dell’osteoporosi, malattia altamente invalidante che colpisce il 7,5% della popolazione italiana (4,5 milio-ni di malati di cui 1 milione uomini) in costante crescita.