Categories: Mostre

by ABNUT Editor

Share

Categories: Mostre

by ABNUT Editor

Share

Un itinerario storico-geografico rappresentativo delle Alpi Cozie che, partendo dalla cartografia, conduce a una scoperta del territorio sul campo. Questa è la proposta della mostra ‘Dal Monviso al Moncenisio. Cartografia a stampa dal XVI al XVIII secolo’, che sarà esposta a Torino, alla Biblioteca Nazionale Universitaria, dal 7 settembre all’8 ottobre 2023 e che sarà accompagnata da due visite guidate in Val Chisone e in Val Pellice.

La Mostra

La ricchezza storico-culturale del territorio delle Alpi Cozie trova, infatti, riscontro in una considerevole produzione cartografica, già in passato oggetto di alcuni studi, mostre e cataloghi che ne hanno evidenziato l’importanza.

Per questo, la mostra propone al pubblico circa 60 esemplari di cartografia a stampa fra quelle più significative prodotte fra il XVI e XVIII secolo, al fine di creare  la rappresentazione di un territorio alpino che è stato teatro di rilevanti vicende politiche-militari-religiose.

L’esposizione offre l’occasione per riflettere su temi e realtà politiche, sociali, religiose di particolare rilievo in quanto forniscono un quadro degli insediamenti umani, dei loro incontri e scontri, delle loro interdipendenze e relazioni, del mutevole organizzarsi di strutture istituzionali che proprio in quest’area alpina trovarono caratteri peculiari.

L’area geografica alpina compresa tra il Monviso e il colle del Moncenisio ha rappresentato nel corso dei secoli un elemento importante nel continuum storico europeo. Il ruolo di cerniera tra la pianura padana e i solchi vallivi francesi nasce per questo territorio in epoche lontane, favorito dalla presenza di alcuni colli superabili senza grandi difficoltà, caratteristica non comune nella catena alpina tra il Monte Bianco e il mare. In particolare i valichi del Moncenisio e del Monginevro hanno visto lungo il filo dei secoli il passaggio di piccoli gruppi di armati o di interi eserciti, pellegrini, commercianti, pastori col loro bestiame, contrabbandieri, esiliati, predicatori, lavoratori stagionali, migranti.

La presenza di una minoranza religiosa, valdese e poi riformata, fortemente radicata nelle valli montane pinerolesi, è inoltre diventata il nodo attorno al quale potenze politiche e religiose di dimensione europea hanno perseguito da un lato l’eradicazione (ducato di Savoia, regno di Francia e papato) e dall’altro la protezione e la sopravvivenza (Inghilterra, Olanda, alcuni cantoni svizzeri).

La mostra offre l’opportunità di una considerazione su problemi che hanno segnato la storia, lasciando tracce durevoli nelle mentalità, nei dialetti, nelle dinamiche politiche ed economiche, nel paesaggio umano e religioso di un territorio alpino in cui si riverberarono i grandi problemi della storia europea, e che per questo motivo divenne lo spazio su cui verificare le scelte strategiche indotte dalle potenze continentali.

Mostra a cura di Tomaso Cravarezza, Giovanni Saccani, Fabio Uliana (Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino), Paola Pressenda, Maria Luisa Sturani (Università degli Studi di Torino Dipartimento di Studi Storici, Sezione di Geografia), Domenico Rosselli, Bruno Usseglio (Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie), Marco Fratini (Fondazione Centro Culturale Valdese), Ettore Peyronel (Società di Studi Valdesi).

Catalogo: Alzani editore, a cura di Marco Fratini, Enrica Morra, Ettore Peyronel, Domenico Rosselli, Bruno Usseglio.

Si ringrazia il servizio Senior Civico del Comune di Torino per la collaborazione dei volontari

Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino – Sala Mostre Juvarra

Piazza Carlo Alberto, 3 – Torino

bu-to.eventi@cultura.gov.it

Dal 7 settembre all’8 ottobre

Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16

Aperture straordinarie:

  • 23 e 24 settembre (Giornate Europee del Patrimonio): dalle 10.30 alle 17.00
  • 8 ottobre (Domenica di Carta): dalle 10.30 alle 17.00

Visite guidate sul territorio.

In occasione della Mostra si svolgeranno due visite guidate in Val Chisone e in Val Pellice, rispettivamente a cura dell’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie e della Fondazione Centro Culturale Valdese.

Domenica 10 settembre in Val Chisone: ore 9,30 ritrovo presso l’ufficio informazioni di Fenestrelle, piazza della Fiera 1. L’itinerario prevede tratti in auto (anche su strade bianche) e tratti a piedi (forte Mutin, Pracatinat, forti di Serre Marie, Pian dell’Alpe, colle delle Finestre); pranzo al sacco, partecipazione gratuita. Prenotazioni e informazioni tel. 0122-78849.

STAY IN THE LOOP

Subscribe to our free newsletter.

Don’t have an account yet? Get started with a 12-day free trial

Leave A Comment

Related Posts

  • La Cultura del Dono 300 anni di libri per la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino. Torino, Biblioteca Nazionale Universitaria 20 dicembre 2023 – 22 marzo 2024 A conclusione delle celebrazioni per i trecento anni dalla sua fondazione, la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino presenta la mostra La Cultura del Dono. 300 anni di libri per […]

  • Per festeggiare i suoi 300 anni di servizio al pubblico, il 19 ottobre 2023 alle ore 11.00 la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino – istituto del Ministero della Cultura – presenterà il francobollo emesso per l’occasione dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (autorità emittente delle carte‐valori postali) ed inserito nella serie tematica […]

  • Giornate Europee del Patrimonio 23 e 24 settembre dalle 10.30 alle 17.00 Visita alla Biblioteca Nazionale Domenica 24 settembre Ore 16.00: Concerto “La mappa del tesoro” Sabato 23 e domenica 24 settembre dalle ore 10.30 alle 17.00, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino apre le […]

  • Vi aspettiamo mercoledì 26 luglio alle ore 15.30, per l’inaugurazione della mostra dedicata alla Cultura Romena con l’esposizione di alcuni manoscritti e volumi della Biblioteca Nazionale e di opere di artisti romeni.