Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Giornate europee del Patrimonio
16737
ecwd_event-template-default,single,single-ecwd_event,postid-16737,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Giornate europee del Patrimonio

23-09-2017 - 24-09-2017 Tutto il giorno

23 settembre ore 17
A Torino il MaB UNESCO CollinaPo è patrimonio di tutti

Inaugurazione delle Giornate del Patrimonio con Nino Boeti, Consiglio Regionale Piemonte, Franco Cravarezza, Amici Biblioteca Nazionale Universitaria, e Alberto Testa, Fondazione Albero Gemello.
Occasione per incontrare le bellezze del Parco del Po torinese, con un interessante confronto tra natura, patrimonio, arte, paesaggio, musica e danza attraverso una mostra fotografica, aperta in entrambi i giorni, alcuni intermezzi coreutico-musicali e gli interventi con immagini, filmati e documentari di Igor Boni, Amministratore Unico dell’Istituto Piante da Legno e Ambiente, su “I boschi della collina di Torino: un’eredità da valorizzare” e Ippolito Ostellino, Responsabile della Riserva MaB UNESCO CollinaPo ed esperto naturalista, su “Uomo e biosfera a Torino: una sfida tra natura e cultura”, moderati da Monica N. Mantelli, progettista culturale Fondatrice della piattaforma “La natura torna ad arte”.

23 settembre ore 21 Scusami Chopin – I Notturni

Concerto-spettacolo offerto dalla Associazione culturale “Il tempo ritrovato” di Alessandra Cavanna, commistione di una parte teatrale che fa rivivere l’esperienza nell’isola di Maiorca della primavera 1839 e le possibili occasioni di ispirazione nell’intimità tra Chopin, interpretato da Floriano Negri, e George Sand, interpretata da Alessandra Cavanna, e di una parte musicale dal vivo della bravissima pianista Elena Brunello che suona i Preludi Op. 28 di Fryderyk Chopin. Regia di Floriano Negri.

24 settembre ore 17 Maestre d’Italia

Presentazione del nuovo libro di Bruna Bertolo, animata con immagini e suggestioni per una galleria di protagoniste che hanno avuto un ruolo fondamentale nella costruzione della cultura del nostro Paese. Dialogano con l’Autrice l’Onorevole Umberto D’Ottavio, Commissione VII Cultura, l’Assessore Regionale all’Istruzione Giovanna Pentenero. Conduce l’editore Silvia Maria Ramasso.
24 settembre ore 21 Genti di Calabria e I colori del cielo
Presentazione dell’Atlante fotografico di geografia umana “Genti di Calabria” e del docu-film “I colori del cielo” che raccontano il viaggio del fotografo Pino Bertelli in Calabria, ispirato dalle letture dei più noti autori calabresi. Oltre 150 interviste e testimonianze di “Genti di Calabria” su tematiche di attualità, quali la famiglia, il fenomeno dei migranti, il rapporto uomo-donna, la terra di Calabria e altro ancora. Saranno presenti il maestro Pino Bertelli e il regista del docu-film Francesco Mazza.

23 e 24 settembre ore 15-23 L’obiettivo di John Phillips sul mondo.

Dalla guerra mondiale alla nascita della Repubblica italiana. Fotografie 1937-1946
L’Associazione Archivio Storico Olivetti, in collaborazione con la Biblioteca Nazionale, presenta una mostra di fotografie originali di John Phillips, dal 1936 inviato della rivista “Life” le cui foto sono vere e proprie icone della storia del Novecento, che raccontano la Seconda Guerra Mondiale e la nascita della Repubblica Italiana.
Eccezionalmente, nei due giorni la Biblioteca espone in auditorium Vivaldi il suo
manoscritto membranaceo Historia Naturalis,  trascrizione del testo scritto da Plinio il Vecchio (databile al 77-78 d.C.) realizzata negli anni 1463-1506 per la famiglia Gonzaga, con miniature attribuite alla scuola di Mantegna.
La Naturalis historia, già nel titolo riassume il tema delle Giornate del Patrimonio e si presenta come ricerca di carattere enciclopedico sui fenomeni naturali: il termine historia conserva il suo significato greco di indagine e ha dato la denominazione alle scienze biologiche, cioè alla storia naturale nel senso moderno della locuzione.
Quest’opera è stata il testo di riferimento in materia di conoscenze scientifiche e tecniche per tutto il Rinascimento e anche oltre.
Il manoscritto è stato, purtroppo, coinvolto nell’incendio del 1904 ma è stato in parte recuperato e sottoposto a vari interventi di restauro conservativo.