Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Mostra “Fondo Regina Margherita”
17024
post-template-default,single,single-post,postid-17024,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

09 Mag Mostra “Fondo Regina Margherita”

“La biblioteca della Regina Margherita. Cultura, interessi e passioni nelle letture di una sovrana”

11-18 maggio 2018 – Inaugurazione venerdì 11 maggio alle ore 16.00. Giovedì 17 maggio alle 20.30 convegno “I giovedì della Regina”

Atrio dell’Auditorium Antonio Vivaldi − Piazza Carlo Alberto 5/A

Nell’ambito dell’evento organizzato per ricordare la figura di Margherita di Savoia, la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino presenta una piccola esposizione di libri provenienti dal fondo librario versato in deposito nel 1967 presso la Biblioteca e già facente parte delle raccolte librarie
della regina.
Per l’esposizione sono stati scelti alcuni volumi caratterizzati dalla presenza di pregevoli legature, sulle quali furono impressi i simboli araldici della regina (cioè il doppio scudo sabaudo, sia nella forma usata finché fu vivo Umberto I sia in quella del periodo della vedovanza) o i monogrammi di
Margherita. Non potevano mancare esemplari da cui emergono i suoi principali interessi culturali, come l’amore per Dante o per la storia sabauda, ma anche per le letterature nelle lingue che, oltre l’italiana, conosceva meglio, cioè tedesca, francese e inglese. Da numerosi volumi conservati è
possibile intuire altri suoi interessi, come, ad esempio, quelli per la geografia, il folklore e le religioni di paesi extraeuropei.
Nel fondo sono presenti libri da cui emerge il suo amore per la musica ed esemplari relativi ai suoi interessi teatrali; vi si trovano pubblicazioni sulle imprese alpinistiche e polari del duca degli Abruzzi e sull’alpinismo in generale. La sua grande passione per l’automobile e per i nuovi mezzi di trasporto aeronautici sono testimoniati dalla presenza nella sua biblioteca di non poche pubblicazioni.