Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Lo specchio di Borges
299167
post-template-default,single,single-post,postid-299167,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

21 Set Lo specchio di Borges

ACCESSO LIBERO NEL RISPETTO DELLE NORME ANTICOVID CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA A EVENTI@ABNUT.IT

Sabato 26 settembre alle ore 16.00 andrà in scena lo spettacolo “Lo specchio di Borges” a cura del Maestro Massimiliano Finazzer Flory. Uno spettacolo teatrale dedicato a un eroe inconsapevole del nostro tempo: il lettore. Un eroe perduto ma non perdente. Ovvero a tutti coloro che ancora credono al potere dei libri. Lo Specchio di Borges insieme alle musiche di Astor Piazzolla rappresenta un progetto non soltanto teatrale ma un incontro fra letteratura, musica e filosofia. Un evento incentrato sui libri, sull’amore per i libri, la passione per la parola, al tempo stesso eroica ed erotica. Un omaggio all’Omero del Novecento, il grande scrittore argentino, e a uno dei compositori più celebri al mondo per compiere un viaggio letterario per meglio comprendere la nostra attuale esistenza: fra esilio, sogno e follia in un labirinto di pensieri e di finzioni capaci di rivelare la verità. Sulle note struggenti e sensuali del tango di Piazzolla.

In occasione delle Giornate sarà allestita a cura della Biblioteca una interessante esposizione visitabile da sabato 26 settembre a venerdì 2 ottobre per poter apprezzare sia i volumi di Borges, prime edizioni e libri che raccontano il grande scrittore argentino, sia testi che ricordano il ruolo importante dell’alimentazione nella vita e come patrimonio da valorizzare, tra i quali  due importanti volumi rari della Biblioteca:

  • la prima edizione in volgare (1478) del trattato di agronomia di Pietro de’ Crescenzi, Ruralia commoda (Il libro della agricultura): l’opera godette – fin dal Medioevo – di un indiscusso successo, tanto da essere annoverata tra le letture di Leonardo da Vinci.
  • Accanto al testo di Crescenzi troverà spazio anche l’editio princeps della Singolare dottrina (Venezia, 1560) di Domenico Romoli, detto il Panunto, vera e propria enciclopedia del Cinquecento sull’arte gastronomica.

L’enorme e prezioso patrimonio di libri che la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino custodisce rappresenta il sapere utile a “imparare per la vita” in linea con l’obiettivo delle due giornate di avvicinare i cittadini al sapere e alla conoscenza utili a vivere meglio e con più consapevolezza.