Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Dante e i Savoia
434323
post-template-default,single,single-post,postid-434323,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

13 Apr Dante e i Savoia

Martedì 19 aprile 2022 alle ore 18.00, la Società Dante Alighieri di Torino presenta all’Auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale la conferenza “Dante, Torino e i Savoia” a cura del Presidente del Comitato Giovanni Saccani.

Dante Alighieri è stato celebrato in tutto il mondo nel settecentesimo anniversario della sua morte  e continua ad essere protagonista. In Italia la ricorrenza è stata particolarmente sentita in special modo nelle città dantesche, ma i luoghi cantati e percorsi da Dante sono molti tra cui il Piemonte: ma qual è il rapporto tra il sommo poeta, Torino e la dinastia che ha unificato l’Italia? Tra ipotesi e analisi delle tracce di Dante in Piemonte nascono suggestioni sul suo passaggio in riva al Po.

Torino certamente non è una città dantesca e neppure il Piemonte era vicino al cuore del Poeta almeno a giudicare dai giudizi non certo lusinghieri tramandataci dal De Vulgari Eloquentia (scritto dal 1303 e il 1305)in cui con una traduzione non letterale ci dice che “le città di Torino, nonché di Alessandria, sono situate talmente vicino ai confini d’Italia che non possono avere parlate pure; tanto che, se anche possedessero un bellissimo volgare — e invece l’hanno bruttissimo —, per come è mescolato coi volgari di altri popoli dovremmo negare che si tratti di una lingua veramente italiana.”