Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Juvarra
185194
post-template-default,single,single-post,postid-185194,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

12 Feb Juvarra

Filippo Juvarra regista di corti e capitali dalla Sicilia al Piemonte all’Europa

Autunno 2020 – INGRESSO LIBERO
COMUNICATO STAMPA
TRAILER

Filippo Juvarra (Messina, 27 marzo 1678 − Madrid, 31 gennaio 1736), uno tra i maggiori architetti europei del Settecento e di tutti i tempi, ebbe alla corte dei Savoia ampio spazio per esprimere le proprie visioni architettoniche, concretizzare lungimiranti progetti di ampio respiro e accarezzare nuove idee e nuovi sviluppi artistici. Il volto di Torino fu da lui profondamente plasmato, conferendo alla città antica, anima del barocco piemontese, quel tratto unico e capace di affascinare che ancora oggi la distingue.
La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino possiede il più consistente fondo esistente di disegni del celebre architetto e dei suoi collaboratori, che spesso danno forma alle idee e ai progetti concepiti dal maestro. Tale cospicuo corpus di album viene per la prima volta esposto al pubblico nella sua interezza, offrendo così l’occasione per comunicare il profilo di un artista “a tutto tondo”, dentro e oltre il barocco: non solo geniale architetto, ma anche – come testimoniato proprio dai suoi disegni – vedutista, scenografo, interior designer e molto altro ancora.
Tre sono i principali filoni nei quali si dipana il percorso espositivo: il corpus juvarrianum della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, le scenografie juvarriane per i teatri e il percorso dell’artista tra Sicilia, Piemonte e Europa.
Nella sezione relativa agli album di disegni e stampe, riconducibili in buona parte alla mano di Filippo Juvarra, si offre l’opportunità al pubblico di “toccare con mano” il laboratorio creativo del genio messinese grazie ad un apparato multimediale che permette lo sfoglio di tutto il corpus.
La sezione espositiva su Juvarra scenografo indaga la sua attività di architetto e scenografo svolta, specie negli anni 1709-1714, a Roma in due sale private (il Teatro Ottoboni e il teatro della regina Maria Casimira di Polonia) e in una sala pubblica (Teatro Capranica).
In mostra trova, inoltre, ampio spazio il legame storico-politico tra Sicilia, Piemonte e Europa, ambito geografico e culturale in cui si mosse e si concretizzò l’attività artistica di Filippo Juvarra.

Logo video

Attività collaterali nell’auditorium Vivaldi (date da definire)

  • Juvarra, Maestro del disegno. Laboratorio destinato alle Scuole Superiori, a cura dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino
  • Musiche barocche “L’architetto e la musica: Juvarra, Vivaldi e i compositori della corte sabauda”: vari concerti nell’auditorium Vivaldi
  • Conferenze itineranti alla scoperta di Filippo Juvarra: con i curatori, all’interno del percorso espositivo
  • La mostra è corredata da una pubblicazione che ospita anche l’inventario aggiornato dell’intero corpus juvarrianum della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e contributi utili all’inquadramento storico, artistico e culturale della produzione juvarriana.


CONTATTI

Filippo Juvarra, Veduta ideale del Po con il Monte dei Cappuccini e Superga, Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, Ris. 59.1, disegno 16