Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Grande Guerra e comunità di eredità
59191
post-template-default,single,single-post,postid-59191,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

21 Ott Grande Guerra e comunità di eredità

MOSTRA “GRANDE GUERRA E COMUNITA’ DI EREDITA’”
E
PRESENTAZIONE VOLUME DELLO STATO MAGGIORE DIFESA “GRANDE GUERRA – UN RACCONTO IN CENTO IMMAGINI”
INAUGURAZIONE 24 OTTOBRE ORE 17 IN AUDITORIUM VIVALDI

25 ottobre-8 novembre – Orario 10-18 da lunedì a venerdì e 10-13 sabato

Durante la guerra cambiò molto anche Torino, sebbene si trovasse geograficamente lontana dai combattimenti. Gli uomini erano al fronte e molte donne e ragazzi li dovettero sostituire nei lavori. La vita era condizionata dai ritmi e dalle esigenze della guerra, le strade erano percorse da un gran numero di autocarri con armi e soldati e nei cieli volavano i primi aerei. La produzione industriale era orientata alle esigenze belliche mentre le condizioni di vita si erano fatte sempre più dure e lunghe erano le file all’assistenza per un piatto di minestra. La forte contestazione del 22 agosto 1917 al grido di «pane» e «pace» fu il sintomo di una grande e diffusa sofferenza. Dopo Caporetto, bloccato il fronte sul Piave per la coraggiosa decisione del Re e la ferma determinazione dei Soldati, Torino divenne fucina di ricostruzione in armi, mezzi di trasporto e equipaggiamenti ma si attrezzò anche ad essere ricovero dei feriti trasferiti dal fronte più vicino e rifugio dei profughi scappati dalle terre occupate e minacciate. Poi la resistenza sul Piave e la Vittoria, le campane di San Giusto a Trieste, il rientro dei soldati alle loro case.
La mostra “Grande Guerra e comunità di eredità” ricorda come il Centenario sia stata l’occasione per approfondire la conoscenza e la condivisione dei fatti, dei valori e degli ammaestramenti che quella grande prova contribuì a far maturare nella popolazione per una unità nazionale più convinta e partecipe, che il Centenario ha contribuito a restituire all’attenzione come una eredità degna di essere tramandata tra le generazioni e come un valore identitario ancora oggi meritevole.
Allestita per le celebrazioni della Giornata dell’Unità d’Italia e delle Forze Armate, è articolata su varie sezioni che si interconnettono: gli eventi di guerra attraverso i documenti ufficiali di Esercito e e le immagini della Difesa, l’eroismo dei Soldati nel “Libro d’Oro” dei Caduti tra i quali la Medaglia d’Oro al Valor Militare del Tenete Colonnello Carlo Buffa di Perrero, gli approfondimenti di Piero Pieri, combattente e storico, i cante le musiche di trincea degli spartiti originali conservati nella Biblioteca Nazionale Universitaria e gli approfondimenti sulle condizioni di vita di giovani e donne a Torino attraverso le ricerche e il patrimonio della Nazionale, l’arte di guerra attraverso i dipinti del capitano medico alpino Angelo Malinverni e il pensiero delle nuove generazioni attraverso i lavori dell’Istituto Amedeo Avogadro di Torino e di Gianni Rodari di Verbania -Torchiedo.
La mostra è organizzata per iniziativa del Consiglio Permanente delle Associazioni d’Arma di Torino (ASSOARMA TORINO) costituito dai Presidenti di 36 Associazioni riconosciute dal Ministero della Difesa che fanno riferimento Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato di Torino.
Si avvale della collaborazione attiva della Biblioteca Nazionale Universitaria e della sua Associazione Amici, del Museo Storico Nazionale dell’Artiglieria, dell’Associazione Combattenti e Reduci, della rivista periodica dello Stato Maggiore della Difesa “Informazioni Difesa”, di alcuni istituti scolastici e di vari enti, associazioni e collezionisti privati.
Gode dell’alto Patrocinio di Presidenza della Repubblica, Prefettura di Torino, Regione Piemonte e Città di Torino e del sostegno di Reale Mutua Assicurazioni.

Inaugurazione il 24 ottobre alle ore 17 in auditorium Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria di piazza Carlo Alberto 5/A Torino con la presentazione del libro “La Grande Guerra in 100 immagini”, autore Mario Renna dello Stato Maggiore della Difesa e con l’accompagnamento musicale dei “CanTorini” dell’Istituto comprensivo Nicolò Tommaseo.
Il 30 ottobre ore 21, sempre nell’auditorium Vivaldi, Concerto Corale “Inni e canti e altre storie. Dietro le quinte della Grande Guerra” a cura del Coro della Sezione Alpini di Torino con la presentazione di Michele d’Andrea

Tags: