Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Mostra “Tracce, colori, emozioni” di Luisa Porporato
16927
post-template-default,single,single-post,postid-16927,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

04 Apr Mostra “Tracce, colori, emozioni” di Luisa Porporato

Tracce, colori, emozioni di Luisa Porporato

Dal 6 al 21 aprile Ridotto Vivaldi della Biblioteca Nazionale Universitaria – Dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.00; il sabato dalle 10.00 alle 13.00

Inaugurazione venerdì 6 aprile alle ore 18.00

DEPLIANT

Il percorso artistico di Luisa Porporato si snoda attraverso una narrazione che unisce il segno al colore, l’attenzione per la realtà circostante a una natura rivisitata e risolta secondo una meditata e misurata definizione della rappresentazione, sia questa un pino marittimo o lo scintillio al sole dei sassi neri dell’Islanda.
E in ogni tela o foglio di carta da disegno o pagina incisa, si delinea una ricerca espressiva caratterizzata dalla elaborazione di un fregio, da un frammento architettonico, da un ambiente visto e trascritto con una linea incisiva che fissa il fitto intreccio dei rami e delle foglie del «Ficus macrophylla», i robusti e possenti tronchi d’albero e la singolare e suggestiva struttura dei Templi di Angkor, che sembrano rievocare i versi di Giorgio Vigolo:«Ardono allora i ruderi su un cielo/ di smeraldo».
Incontri, impressioni, testimonianze di un racconto che emerge dal profondo interesse della Porporato per viaggi e soggiorni in paesi ricchi di storia, di tradizioni culturali, di esperienze artistiche di assoluto rilievo. E nell’ampia sala espositiva di piazza Carlo Alberto, si «scopre» il fascino dei ghiacciai dell’Islanda, la luce sulla roccia dell’ Antelope canyon negli Stati Uniti e i bassorilievi che decorano i muri con le «devata» in Cambogia.
Insieme al nitido e puntuale disegno dedicato alla facciata della Biblioteca Nazionale Universitaria, si entra in diretto contatto con le opere realizzate con la tecnica della «maniera nera», con una raffigurazione dalle profonde sfumature che concorrono a definire la sequenza dei soggetti finemente interpretati: da «Eleganze» a «Riflessi», da «Armonie di effe» a «Cavai ‘d brons».
Un incontro, quindi, con una pittura contrassegnata dalla volontà di trasmettere sensazioni, sottili emozioni, scansioni di una visione che il segno trasforma in un personalissimo ed esclusivo diario per immagini.

Angelo Mistrangelo

Pittore ed incisore, è nata a Torino, dove vive e lavora.
Laureata in Discipline Storico Artistiche.
Dopo alcuni anni dedicati all’insegnamento, ha approfondito la tecnica del disegno frequentando il Corso del Nudo all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, dove si è perfezionata in tecniche calcografiche al Corso di Tecniche Incisorie.
Nel 1992 inizia la sua attività espositiva con mostre collettive e personali.
Ha conseguito il Premio Speciale per la “Valorizzazione e diffusione dell’Incisione” al “Premio Olivero” di Saluzzo nel 1996 e, nell’anno 2000, ha ottenuto il Primo Premio per la Grafica.
Nel 2008 ha pubblicato con la Calcografia “Al Pozzo” di Dogliani Castello (CN), la cartella “Il Segno e la Forma” (tre incisioni a maniera nera e una poesia di Pablo Neruda) con la presentazione di Angelo Mistrangelo.
Nel 2009 ha presentato in una mostra personale una raccolta di disegni su Torino “Torino Poesia del Frammento” alla Galleria Dantesca Fògola di Torino.
Nel 2010 ha realizzato la cartella di grafica “Juvarra per Venaria”, lastra commemorativa per il trentennale di fondazione del Lions Club Venaria Reale Host. Tiratura calcografica Al Pozzo di Dogliani Castello (CN). Presentazione di Pino Mantovani.
Nel 2012 ha presentato, in una mostra personale al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, disegni sulla Torino Barocca e immagini del mondo animale.
Nel 2013 mostra personale al Palazzo delle Feste di Bardonecchia. Socia della Promotrice delle Belle Arti di Torino dal 1995, dell’Associazione di Incisori Torinesi “Senso del Segno”, e dei Liberi Incisori ALI con sede a Bologna.
Presente nel “Repertorio degli Incisori Italiani” Edit. Faenza voli. lii -IV – V – VI (dal 1998 al 2013), nel Catalogo Sartori d’Arte Moderna 2014, nel Catalogo Percorsi d’Arte in Italia 2015.