Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Raccontare la Shoah
134465
post-template-default,single,single-post,postid-134465,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

10 Gen Raccontare la Shoah

Mercoledì 23 gennaio alle ore 16.00 – Auditorium Vivaldi

“Raccontare la Shoah: dalla finzionalità della testimonianza al valore testimoniale della finzione narrativa”. Seminario di Alessandro Costazza dell’Università di Milano.
Nell’ “era del testimone”(Wieviorka), il ruolo e il significato della testimonianza è stato talmente assolutizzato, che il detto latino unus testis, nullus testis ha perso qualsiasi significato e il testimone si è trasformato nel solo detentore della verità. Espressione di tale assolutizzazione è, secondo la definizione di Javier Cercas, il “ricatto del testimone” che vieta di dubitare della veridicità della testimonianza, soprattutto in riferimento alla Shoah. Questa tendenza ha prodotto però il fenomeno delle “false testimonianze” della Shoah, poi sfruttato dai negazionisti per porre in dubbio lo sterminio degli ebrei nella sua totalità. Proprio per questo è assolutamente necessario, e ancor più nell’epoca delle fake news o della cosiddetta “post-verità”, riconoscere la natura narrativa e finzionale di ogni testimonianza, più volte evidenziata da critici come James E. Young e importanti autori come Jorge Semprún o Imre Kertész. Lungi dal togliere valore alla testimonianza, tale riconoscimento serve infatti a fondarne il carattere di autenticità e, almeno indirettamente, altresì a legittimare il valore testimoniale della stessa finzione letteraria.
Ingresso libero