Categories: Mostre

by ABNUT Editor

Share

Categories: Mostre

by ABNUT Editor

Share

La Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino, fondata 300 anni fa da Vittorio Amedeo II di Savoia, custode della biblioteca della Regina Margherita, è la sede appropriata per ricordare l’ultimo Re d’Italia, Umberto II, nipote della Regina Margherita, nel 40° della morte. Un ricordo dell’anniversario attraverso alcune testimonianze appartenenti alla Biblioteca Nazionale, al Centro Studi Piemontesi e a un archivio privato. Il minuto e significativo insieme, formato da libri, giornali e oggetti suggestivi che evocano momenti di vita pubblica e intima del sovrano, è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16 dal 17 marzo al 30 aprile. Saranno organizzate visite guidate alla Biblioteca della Regina Margherita e all’esposizione dedicata a Umberto II il 17 marzo alle 11.00 e alle 13.00. Gradita la prenotazione a bu-to.eventi@cultura.gov.it


Umberto II, l’ultimo Re sabaudo, si spense quarant’anni fa, dopo una lunga malattia. Erano alle 15.35 del 18 marzo 1983. Le sue ultime parole furono rivolte all’Italia. Con ogni residua forza desiderava baciarne il suolo prima di morire. Il presidente Pertini, desiderava porre fine all’esilio: in attesa che un complesso iter burocratico si compisse, avrebbe almeno voluto consentire al Re di chiudere gli occhi nel paese che immensamente amava. Una deliziosa vignetta di Forattini mostrerà il Presidente, su “La Stampa” del 19 marzo, con braccia e mani legate in forma di nodo sabaudo, a simboleggiare la sua impossibilità di superare gli ostacoli che si frapponevano al rientro. La morte di Umberto fu commemorata dovunque, non solo in Italia. Luciano Curino, parlando su “La Stampa” del 24 marzo 1982 del rito funebre ad Altacomba, letteralmente invasa, come tutti i paesi circostanti, dagli italiani, riferisce di avere appreso che molte messe funebri già erano state celebrate o si stavano celebrando in mezzo mondo, in genere promosse dagli emigrati italiani, ma non solo; tra queste ne può menzionare, affollate, in «Buenos Aires, San Paolo del Brasile, Caracas, New York, Toronto e altre città americane». Si trattava solo di alcuni esempi tra tante cerimonie e commemorazioni che si svolgevano in quei giorni.

STAY IN THE LOOP

Subscribe to our free newsletter.

Don’t have an account yet? Get started with a 12-day free trial

Leave A Comment

Related Posts

  • La Cultura del Dono 300 anni di libri per la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino. Torino, Biblioteca Nazionale Universitaria 20 dicembre 2023 – 22 marzo 2024 A conclusione delle celebrazioni per i trecento anni dalla sua fondazione, la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino presenta la mostra La Cultura del Dono. 300 anni di libri per […]

  • Per festeggiare i suoi 300 anni di servizio al pubblico, il 19 ottobre 2023 alle ore 11.00 la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino – istituto del Ministero della Cultura – presenterà il francobollo emesso per l’occasione dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (autorità emittente delle carte‐valori postali) ed inserito nella serie tematica […]

  • Giornate Europee del Patrimonio 23 e 24 settembre dalle 10.30 alle 17.00 Visita alla Biblioteca Nazionale Domenica 24 settembre Ore 16.00: Concerto “La mappa del tesoro” Sabato 23 e domenica 24 settembre dalle ore 10.30 alle 17.00, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (European Heritage Days), la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino apre le […]

  • Un itinerario storico-geografico rappresentativo delle Alpi Cozie che, partendo dalla cartografia, conduce a una scoperta del territorio sul campo. Questa è la proposta della mostra ‘Dal Monviso al Moncenisio. Cartografia a stampa dal XVI al XVIII secolo’, che sarà esposta a Torino, alla Biblioteca Nazionale Universitaria, dal 7 settembre all’8 ottobre 2023 e che sarà […]