Associazione Amici Biblioteca Nazionale Universitaria Torino | Una Costituzione da riscoprire
17003
post-template-default,single,single-post,postid-17003,single-format-standard,ecwd-theme-bridge,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

03 Mag Una Costituzione da riscoprire

LUNEDì 7 MAGGIO ore 9.00 / 12.30

Convegno: “Una Costituzione da riscoprire”

 

Dopo i saluti istituzionali di Comitato Resistenza e Costituzione e Biblioteca Nazionale Universitaria,
gli interventi di:
Prof. Walter Crivellin, presidente Centro Studi Giorgio Catti “Dalla Resistenza alla Costituzione”
Prof. Anna Maria Poggi, Università di Torino, “I principi della nostra Democrazia”
Dott. Enzo Marvaso, coordinatore duale del MIUR, “Alternanza Scuola – Lavoro nella Costituente”
Testimonianza di Maria Romana De Gasperi, Presidente Onoraria Centro Studi Giorgio Catti

In collaborazione con gli archivi storici di Biblioteca Nazionale Universitaria, Istoreto, Centro Studi Piero Gobetti e Centro Studi Giorgio Catti.

Testimonianza di Maria Romana De Gasperi (Presidente Onoraria Centro Studi Catti).

A cura di: Centro Studi Giorgio Catti, in collaborazione con la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino e l’Associazione Amici della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino.

Ingresso libero

Info: www.centrostudicatti.it

   Il Centro Studi Giorgio Catti, costituito nel 1966 a Torino da un qualificato gruppo di protagonisti della Resistenza di ispirazione cristiana in Piemonte, vuole celebrare il 70° anniversario della promulgazione della fondamentale Carta Cosituzionale in cui sono stati trasfusi gli ideali ed i valori di coloro che, con motivazioni diverse (tra le quali, anche qui significativamente, quelle di ispirazione cristiana),  concorsero a restituire all’Italia indipendenza, dignità e libertà ponendo, con la loro lotta, le basi di quel  patto solenne per mezzo del quale è nata e si mantiene la nostra  democrazia. Ciò premesso, il Centro Studi Giorgio Catti, al fine di favorire la conoscenza della Costituzione e l’impegno da essa derivante nel susseguirsi delle generazioni, per il giorno 7 maggio 2018 ha indetto, nell’auditorium della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (Piazza Carlo Alberto), con inizio alle ore 9 e termine alle ore 12, un Convegno aperto al pubblico dal titolo “Una Costituzione da riscoprire”. Interverranno: la costituzionalista dell’Università di Torino, professoressa Anna Maria Poggi che illustrerà i contenuti della Carta Costituzionale ed il Docente di Storia delle Dottrine Politiche, Walter Egidio Crivellin (Presidente del Centro Studi Catti), che tratterà il tema “Dalla Resistenza alla Costituzione” evidenziando l’apporto dei cattolici nei due momenti storici inscindibilmente legati. Gli Atti del Convegno saranno pubblicati e portati a conoscenza soprattutto dei giovani studenti delle superiori, che ne sono i principali destinatari, per incentivarli a proseguire, con un’approfondita ricerca documentale da effettuarsi nella prima metà del prossimo anno scolastico, nell’ambito dell’alternanza Scuola/Lavoro finalizzata all’acquisizione della cittadinanza attiva. In tale ottica l’incontro di cui sopra risulterà propedeutico al loro coinvolgimento nel progetto sopra accennato da realizzarsi con uno stretto rapporto sinergico fra il MIUR ed il Centro stesso in collaborazione con altre istituzioni culturali che aderiranno. Le relazioni dei partecipanti alla ricerca verranno raccolte in apposito dossier e presentate al pubblico dagli studenti stessi nel corso della Biennale Democrazia che si terrà nella primavera 2019. Il Presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, Dottor Nino Boeti, porterà il saluto del Comitato Regionale “Resistenza e Costituzione” di cui è Presidente. Nell’introduzione ai lavori, che sarà svolta dal Generale C.A. Franco Cravarezza, Vicepresidente del Centro Studi Giorgio Catti, verrà proiettata un’intervista a Maria Romana De Gasperi, Presidente Onoraria del Centro, che riporterà il messaggio europeista del grande Statista rivolto ai giovani.